maggiordomo-rurale

Aree interne: nasce il Maggiordomo Rurale

Il suo pulmino bianco attraversa gli appennini per portare servizi agli abitanti delle aree interne Tutti ne parlano, dal Corriere della Sera, che il 14 ottobre ha dedicato un cospicuo spazio di narrazione a questi “moderni factotum che facilitano la vita alle famiglie lontane dai centri abitati”. La televisione pubblica che ha dedicato due servizi a distanza di pochissimi giorni […]

ruralia paesaggio rurale

Ruralia – interventi nel paesaggio rurale del Parco Nazionale del Cilento Vallo di Diano

Ritorna la famosa “Valle delle orchidee” di Sassano per la XIX edizione. Dopo i primi due appuntamenti escursionistici svoltisi venerdi 5 e sabato 13 maggio con passeggiate mirate organizzate dal Gruppo G.I.R.O.S., il gran finale si avrà direttamente nella Valle delle Orchidee domenica 21 maggio, in località Gravola. Sono stati organizzati veri momenti ludici, naturalistici, paesaggistici […]

2002_0704_051440AA_(Small)

San Basile, un’idea per rinascere

Fermare lo spopolamento e l’abbandono del territorio. Come? Rivendendo a prezzi modici le case sfitte attraverso internet. Hanno risposto da tutto il mondo. Questa l’idea nata a San Basile, comune del Cosentino nel cuore del parco del Pollino, con una giunta giovanissima. L’idea è di rimettere in moto l’economia con la riqualificazione del centro storico, […]

62888cee-27c1-42ab-a28d-aed17c882064_large

“Il primo paese-cooperativa”

Succiso (Reggio Emilia), piccolo borgo sui mille metri dell’Appennino tosco-emiliano, che per scongiurare lo spopolamento e il degrado si è trasformato in un paese-cooperativa. Qui, su 65 residenti ben 33 sono soci della cooperativa Valle dei Cavalieri. Un paese, Succiso, dove ci si è inventati un lavoro (anzi, più lavori da svolgere contemporaneamente) pur di […]

10700738_10152680398311661_5677184504688605891_o

IL ‘VUOTO’ COME SPAZIO DI SPERIMENTAZIONE E LIBERTÀ

Le aree di margine, nella reinterpretazione di una nuova forma della città contemporanea dilatata e diffusa, riscoprono potenzialmente una rinnovata funzione: non luoghi arretrati o residuali, antitesi di quel progresso cui il mondo ottocentesco sembrava puntare, ma terreni di sperimentazione, di socialità, occasione di scoperta di un sistema di relazioni che nella città densa profanata […]