immagine-loghi-internet-300x166

CALL – Biennale dello spazio pubblico

Con la call for proposals “Viaggio nei Comuni delle buone pratiche – Fare spazi pubblici, progetti e politiche di rigenerazione urbana sostenibile” (scadenza prorogata al 10 febbraio 2017) comincia oggi il percorso che porterà alla quarta edizione della Biennale dello Spazio Pubblico, in programma al Dipartimento di Architettura di Roma Tre (ex Mattatoio di Testaccio) dal 25 al 27 maggio 2017. 

Alla call possono partecipare Enti territoriali (Comuni, Unioni di Comuni, Città Metropolitane, Province, Regioni) ed altri Soggetti pubblici e privati con o senza personalità giuridica, ma con particolare esperienza e pratica attiva nella pianificazione / progettazione / realizzazione / gestione di spazi pubblici, intesi come spazi materiali e immateriali aperti all’uso collettivo.

La call è composta di due sezioni. La prima (iniziative territoriali) ha l’obiettivo di raccogliere e selezionare iniziative ed eventi (seminari, incontri, performance ecc.) che saranno organizzati a livello territoriale nel periodo febbraio – maggio 2017. La seconda sezione (cluster o gruppi tematici) punta a individuare i soggetti in grado di coordinare laboratori tematici, sempre nel periodo febbraio – maggio, che hanno l’obiettivo di produrre orientamenti/linee guida su un tema specifico coinvolgendo altri soggetti pubblici e privati. Ogni cluster darà luogo, nel corso dell’evento finale, a un seminario  teso a redigere un documento sintetico che sarà oggetto di comunicazione e confronto in sessioni plenarie.

Per partecipare occorre compilare il form apposito disponibile sul sito web della Biennale, www.biennalespaziopubblico.it entro il 10 febbraio 2017.  Programma e materiali relativi alle proposte selezionate saranno pubblicati sul sito della Biennale.

La Biennale dello spazio pubblico è promossa dall’Istituto Nazionale di Urbanistica assieme alla sua sezione laziale, dal Consiglio Nazionale degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori , dall’Ordine degli architetti di Roma e dal Dipartimento di Architettura del’Università Roma TRE.

Facebooktwitterlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *