BOZZA RIFORMA ORDINAMENTO PROFESSIONALE CNAPPC: l’associazione Riscatto Urbano boccia la “bozza” di riforma e propone una più ampia discussione.

Venire a conoscenza che il Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori (CNAPPC) stia varando una nuova riforma, attraverso canali non istituzionali e sedi opportune, ci ha stupiti. Inoltre, leggere la bozza di riforma ( appcrp20-testo-bozza-0303-cnappc) e comprendere che alla base vi è la volontà e l’interesse di recuperare logiche e forme della professione ormai passate, ci ha sconcertati.

Sono giorni, ormai, che circola la bozza di riforma che a livello nazionale – pare – si discuta da oltre 7 mesi. Sette mesi in cui è stata avanzata, senza alcuna esitazione, l’ipotesi di riproporre la figura dell’architetto unico, di un anacronistico “tuttofare”. Tutto ciò senza che sia stata attivata, nella fase di stesura della bozza, alcuna partecipazione a livello territoriale e nei singoli ordini provinciali.

Delle modifiche così pesanti hanno una notevole ricaduta nella società civile. In questi anni si sono formati tantissimi pianificatori territoriali, ma anche conservatori e paesaggisti che hanno intrapreso, per scelta, percorsi universitari specialistici in grado di formarli a rispondere in modo consapevole alle esigenze di un mercato del lavoro che richiede un livello sempre crescente di professionalità a forte specializzazione. A valle di una riforma che prevede la scomparsa del pianificatore territoriale, quale sarà il loro futuro? Quale sarà il loro ruolo all’interno della società?

Il Pianificatore è colui che lavora con le istituzioni pubbliche, le comunità locali e gli altri tecnici specialistici (geologi, agronomi, sociologi, architetti, …) cercando di garantire percorsi di condivisione e collaborazione nella costruzione di scenari di futuro possibili.

In questi anni, mentre le Università hanno dato seguito alla riforma delle professioni creando nuovi percorsi formativi con corsi triennali e specialistici, l’Ordine degli architetti ha solo recepito le nuove categorie al proprio interno, senza definire i ruoli e le diverse competenze delle nuove figure professionali.

Per questi motivi, tale proposta, ci sembra anacronistica e superata. Ci preme, inoltre, sottolineare come questa discussione non possa svolgersi con efficacia e, il confronto tra parti, non possa avvenire in una situazione emergenziale come quella che l’Italia sta vivendo.

È evidente come il COVID-19 abbia evidenziato la fragilità dei nostri territori, dei nostri sistemi di mobilità, dei nostri sistemi sanitari, economici e sociali. Nella ripresa post-emergenza sarà indispensabile ripensare i modi di stare insieme e le loro implicazioni sull’organizzazione dello spazio, ma anche valutare come la forma urbana abbia inciso sulla diffusione del contagio e sulle limitazioni imposte agli stili di vita di ciascuno. Su questi e altri temi gli urbanisti ed i pianificatori territoriali hanno competenze e capacità di analisi, interpretazione e progettazione.
Sarà una grande sfida che dovrà essere affrontata con il supporto di tutte le professioni e di tutte le competenze specialistiche, condizione cruciale per impostare con lungimiranza il futuro che ci aspetta.

L’urbanistica è…
«Rappresentata come ciò che pone fine a un inesorabile processo di peggioramento delle condizioni della città e del territorio presi in esame e come inizio di un virtuoso processo del loro miglioramento»
(Bernardo Secchi, Prima lezione di urbanistica, 2007)

Francesco Abbamonte
Marco Lauro
Roberto Musumeci
Francesca Zerella
Claudio Muscariello
Serena Murolo
Federica Ammaturo
Giovanni Bello
Maria Somma
Francesco Frulio
Paolo De Martino
Francesco Carbone
Roberto Riccio
Pasquale Cimmino
Manuel Orabona
Fabio Esposito
Monica Mauro
Giosuè Di Maro
Monica Basile
Vittorio Miraglia
Daniele Gallinaro
Sara De Rogatis
Giorgia Cuccaro
Carmela Esposito
Cristina Tedesco
Claudio Castellano
Bernardo Corrado
Nicola Fierro
Antonio Nigro
Enrico De Cenzo
Raffaella Spiniello
Vincenzo Monfregola
Elena Parrella
Vincenza Pia Iengo
Giuseppe Servillo
Chiara Marulo
Michela Starace
Emanuela De Marco
Giancarlo Pica
Luigi Innammorato
Klarissa Pica
Delia Evangelista
Anna Zucconi
Gina Elizabeth Borriello
Alessia De Vita
Antonia Arena
Angela Passero
Luca Servodio
Gennaro Alfano

Facebooktwitterlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *