maggiordomo-rurale

Aree interne: nasce il Maggiordomo Rurale

Il suo pulmino bianco attraversa gli appennini per portare servizi agli abitanti delle aree interne

Tutti ne parlano, dal Corriere della Sera, che il 14 ottobre ha dedicato un cospicuo spazio di narrazione a questi “moderni factotum che facilitano la vita alle famiglie lontane dai centri abitati”.

La televisione pubblica che ha dedicato due servizi a distanza di pochissimi giorni sul TG1 e sul programma GEO di Rai 3.

Ma anche La7, che ha portato la troupe del programma Tagadà, per raccontare l’appennino pavese, insieme ai Maggiordomi Rurali.

I factotum di cui tutti parlano, sono Roberto Antoniazzi e Cristian Rossetti,  e sono i primi Maggiordomi Rurali che la  Cooperativa sociale «La Sveglia» di Varzi ha arruolato per  portare servizi in 19 comuni, dove decine di persone  attendono per ricevere assistenza o ottenere un aiuto nel disbrigo di impegni quotidiani.

“La figura del maggiordomo rurale rientra tra le iniziative di Oltrepo Biodiverso del programma AttivAree messo a punto da Fondazione Cariplo per incentivare la permanenza di famiglie e anziani in Oltrepo. Le richieste aumentano giorno dopo giorno e siamo ben contenti di soddisfarle tutte” spiega Chiara Caglioni della coop La Sveglia di Varzi.

I servizi del “Maggiordomo Rurale”,  si possono richiedere semplicemente con una telefonata alla Cooperativa La Sveglia, dove, in questi giorni, c’è un telefono bollente, non sono  solo per le chiamate di persone che richiedono interventi, ma anche per chiamate da parte  di chi, avendo visto i vari servizi, desidera proporsi e arrualarsi – ci segnalano che stanno arrivando moltissimi curriculum anche da persone che vivono all’estero.

Scopri di più>>

Facebooktwitterlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *